Nomenclatura: Elso Composto

La nomenclatura del fornimento della spada d’uso si rivela, fortunatamente per storici ed archeologi, estremamente semplice: come evince l’articolo su di essa, si tratta di un’arma che ha avuto un’evoluzione quasi nulla nel suo periodo d’uso.
Per affrontare quindi qualcosa d’interessante considereremo l’esempio più complesso di fornimento, qui con elso composto: la Spada con Anello, versione da gala di quest’arma, che presentava incastonato nel pomo un anello. Era solitamente donato dal signore del feudo ai suoi fedelissimi, che testimoniavano con l’arma la loro lealtà. Queste lame compaiono nel VIII secolo tra i Franchi: quella che io propongo è d’origine longobarda, ma è assimilabile alle spade franche.

Elso composto di una spada da gala.

Il caos totale? Nessun problema! Andiamo con ordine:

  1. Anello. Il gioiello di cui parlavo poco sopra. Veniva solitamente incastonato parallelamente al pomo.
  2. Incastonatura. È il componente arcuato che tiene fisso l’anello al pomo.
  3. Tallone o Coperchio. In un caso di pomo composito come questo è il componente che copre e fissa tutte le parti del pomo.
  4. Perni di fissaggio. Quelli al pomo fissano il tassello del pomo con il tampone, quelli all’elsa fissano la piastrina di schermo, il tassello dell’elsa e l’altro tampone.
  5. Sommità. Elementi che hanno funzione sia decorativa che di fissaggio del fornimento. Da non confondersi con le teste di moro, che hanno stesse funzioni ma sono d’origini rinascimentali.
  6. Tamponi di contenimento. Stringono le componenti di elsa e pomo e “contengono” la mano del combattente.
  7. Impugnatura. Questa è semplice, è dove va la mano.
  8. Tasselli. Ve ne sono due, il tassello all’elsa e il tassello al pomo. Il primo dà volume all’elso, il secondo crea la base dove verranno installati i componenti del pomo composito.

Quando invece consideriamo le possibilità di foggia di una spada d’uso, ne abbiamo solamente tre, tutte varianti dell’elso: elso a barrotto, a elsetto, alla normanna.
Per una spiegazione e un’immagine di ognuna di queste si rimanda all’articolo sulle spade, sezione Fornimento.
Riguardo poi al pomo, scriverò nel prossimo futuro un articolo dedicato esclusivamente ad esso, dove presenterò la famosa classificazione Oakeshott.

Disclaimer

Ringrazio per questo articolo il maestro Emanuele Masiero e ciò che ancora riesce a insegnare alla mia zucca vuota.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Nomenclatura, Oplologia, Spada. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Nomenclatura: Elso Composto

  1. Pingback: Nomenclatura: la Spada | Ferro e Fuoco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...